Domaine Mugneret Gibourg - Cordero Distribuzione

Il Domaine Georges Mugneret-Gibourg fu fondato nel 1933, con Bourgogne, Vosne, Nuits "Au Bas de Combe" ed Echezeaux, dopo che Jeanne Gibourg e André Mugneret, sposatisi nel 1928, decisero di trasferirsi a Vosne-Romanée nel 1930.

Vai al sito

Il loro unico figlio, Georges Mugneret, oculista a Digione, decise ben presto di continuare il lavoro dei suoi genitori, parallelamente all’attività medica. Nel 1953, Georges acquisì il Clos-Vougeot, creando così il Domaine Georges-Mugneret. Nel corso degli anni ampliò la tenuta di famiglia attraverso l’acquisizione di appezzamenti come Nuits 1er Cru Les Chaignots e Nuits 1er Cru “Les Vignes Rondes”, Ruchottes (1977) e infine Chambolle 1er Cru “Les Feusselottes” nel 1986.

Durante il servizio militare in Algeria nel 1958, Georges Mugneret conobbe Jacqueline, un’insegnante, nata ad Algeri. Lei per amore decise di seguirlo fino in Borgogna, dove dal loro matrimonio nacquero Marie-Christine e Marie-Andrée.
Prima di lasciarci prematuramente nel 1988, Georges Mugneret aveva predisposto da tempo la vendita del domaine. A ridosso della scomparsa il potenziale acquirente si presento a casa della vedova Jacqueline e delle figlie, dicendo loro: “manterrò la promessa di acquistare l’azienda, ma pensateci ancora, è una decisione troppo importante”. Quel nobile gesto ha cambiato le sorti del domaine: le tre donne con orgoglio e con tenacia hanno deciso di impegnarsi a proseguire il lavoro di Georges. Nel 2009 vi fu la decisione di unire lo storico domaine Mugnere-Gibourg con l’azienda del padre dando così vita al domaine Georges Mugneret-Gibourg.

A distanza di oltre trent’anni dalla coraggiosa decisione di Jacqueline e le sue figlie possiamo dire che mai scelta fu più azzeccata. Ad affiancare le figlie di Georges e Jacqueline Marie-Christine e Marie-Andrée ci sono anche le loro figlie. Si può affermare quindi che nel domaine Georges Mugneret-Gibourg a farla da padrona è la classe e l’eleganza femminile di sette meravigliose donne.
La parola chiave dell’azienda è qualità, basse rese che si traducono in una produzione annua che varia dalle 20 alle 30 mila bottiglie annue dagli otto ettari di proprietà. I vini, figli di una conduzione in vigna molto responsabile e poco invasiva spiccano per incredibile eleganza e piacevolezza di beva.

Photo credits: Antoine Morfaux

Vini
Bourgogne Rouge
Bourgogne Rouge
Chambolle-Musigny 1er cru Les Feusselottes
Chambolle-Musigny 1er cru Les Feusselottes
Clos Vougeot Grand Cru
Clos Vougeot Grand Cru
Nuits Saint Georges 1er cru Les Chaignots
Nuits Saint Georges 1er cru Les Chaignots
Vosne Romanée
Vosne Romanée
Ruchottes-Chambertin Grand Cru
Ruchottes-Chambertin Grand Cru
Echezeaux Grand Cru
Echezeaux Grand Cru
Nuits Saint Georges 1er cru Les Vignes Rondes
Nuits Saint Georges 1er cru Les Vignes Rondes
Nuits Saint Georges Village
Nuits Saint Georges Village