Amiot Servelle - Cordero Distribuzione

Le origini del Domaine risalgono all’inizio degli anni ’20 per mano di Clément Tachot che iniziò a coltivare alcune vigne a Chambolle-Musigny.

Vai al sito

Negli anni ’50 la figlia di Clément, Cècile e suo marito Jean Servelle gli subentrarono dando vita al Domaine Tachot-Servelle.

Nel 1980, Christian Amiot, il cui padre, Pierre Amiot, viticoltore nel vicino villaggio di Morey-Saint-Denis, venne a lavorare nel Domaine della moglie Elisabeth Servelle, figlia di Jean e Cècile.

Nel 1989, Christian Amiot ed Elisabeth Servelle rilevano l’attività creando così il Domaine Amiot-Servelle.

Dal matrimonio tra Christian ed Elisabeth nascono tre figli: Prune, Violette e Antoine.

Prune ha conseguito il diploma in enologia nel 2004. Poi, dopo un periodo di formazione e di lavoro presso diversi proprietari di vigneti in Francia e all’estero, è tornata alla tenuta di famiglia nel maggio 2011.

Violette ha scelto la musica ed è un’artista-insegnante di percussioni presso l’accademia regionale di musica.

Antoine, dopo essersi diplomato alla Burgundy School of Business, si è recato in Giappone per scoprire i segreti della produzione del Sake. Dopo aver lavorato per alcuni anni nelle vendite di vino a Beaune, ha deciso di laurearsi in Viticoltura ed Enologia presso la Scuola Enologica di Beaune. È tornato nella tenuta di famiglia nel settembre 2017.

Dal 2020, Prune e Antoine hanno assunto il controllo del Domaine rimanendo fedeli alla filosofia dell’azienda. Il loro obiettivo è quello di coltivare le uve dando priorità alla sostenibilità ambientale vietando ogni utilizzo di prodotti chimici. Il rispetto per il suolo, la vite, il frutto e l’ambiente è la regola guida del Domaine Amiot-Servelle.

Dal 2010 il Domaine è diventato proprietario di alcuni importanti appezzamenti a Morey-Saint-Denis e Gevrey-Chambertin tra cui spiccano: il Clos Saint-Denis e lo Charmes-Chambertin ” en Mazoyères “.

In cantina a farla da padrone sono il rigore e la precisione, Antoine afferma infatti che una volta raccolte grandi uve è compito del produttore fare tutto il possibile per preservarne l’integrità e l’entità. Le fermentazioni avvengono in modo spontaneo e il vino in seguito non subisce ne filtrazioni ne chiarifiche.

Oggi Amiot-Servelle è chiaramente uno dei punti di riferimento nel panorama enologioco di Chambolle-Musigny. I vini sono energici, vibranti ed autentici proprio come lo sono Prune e Antoine.